20 giu 2015

An open book of works in continuous expansion as a collective architectural knowledge.



ARCHITECTURE#myBook wishes to promote an authentic and profound knowledge (wonderful grasp) of architecture far from impromptu consumption of images that does not allow the construction of a personal narrative of architectural works.
The program offers an open-list of architectures conceived as a provisional list to implement, to photocopy and to print again. An open book of works in continuous expansion as a collective architectural knowledge.
The architectures of the list are redesigned by first-year students and collected in A4 sheets, easily photocopied and also available on line. This architectural list is not meant to be an exhaustive selection or a systematized history of architecture; they aren’t arranged in chronological order or in a taxonomic collection of the architectural masters, simply they build a list that can be combined according to the connections and the interpretations of the reader, who is transformed into an active editor selecting and organizing the works according to his own sensitivity and interest. From the open-list can arise endless books on architecture through individual active action like the one that Enzo Mari experienced in 1974 in Autoprogettazione through a line of self-made design.
The release is a reaction to the diffusion of passive methods of knowledge and absence aims at spreading a more solid culture by exploring new forms of knowledge and consultation/construction of architectural books.


The work will be developed by first-year students of the Design Course  with the support of the library staff,  which will host the final event. Students are expected to approach architecture in a progression that goes from the literature search until the redesign of a work as an opportunities for familiarization with the space construction. The individual products come together in a collective list building a schedule by which each student is encouraged to develop the index of his myBook through a series of keywords, synthesis personal connections and themes.

The topics of index of each student's myBook  are starting points for the second phase of the program of the course: design of a single-family home.

ARCHITETTURA#myBook vuole stimolare una conoscenza autentica e profonda dell’architettura lontana dall’estemporaneo consumo di immagini che non consente la costruzione di una narrazione personale delle opere architettoniche. Il programma propone una open-list di progetti concepita come un elenco provvisorio da implementare, fotocopiare e ristampare. Un libro aperto e in continuo accrescimento di opere che costruiscono una conoscenza collettiva dell’architettura. I progetti, ridisegnati dagli studenti del corso di Composizione Arch.1, raccolti in fogli A4, facilmente fotocopiabili e disponibili anche on line, non vogliono rappresantare una selezione esaustiva e sistematizzata della storia dell’architettura; non sono organizzati in ordine cronologico, non rappresentano una raccolta tassonomica dei maestri dell’architettura, semplicemente costruiscono una lista che può essere combinata secondo le connessioni e le interpretazioni del lettore che si traforma in editore e parte attiva selezionando e riorganizzando le opere secondo la propria sensibilità e interesse. Dalla open-list possono nascere infiniti libri di architettura grazie a un’azione individuale attiva come quella sperimentata nel 1974 nella Autoprogettazione di Enzo Mari con una linea di mobili concepita come un elenco fai da te da costruire e modificare. L’iniziativa vuole proporsi come una reazione al diffondersi di metodi passivi di conoscenza e alla mancanza di una cultura architettonica diffusa e vuole sperimentare  nuove forme di conoscenza e una diversa modalità di consultazione/costruzione di libri di architettura. Il lavoro sarà sviluppato dagli studenti del Corso di Composizione Architettonica 1B con il supporto del personale della biblioteca di Architettura che ospiterà l’evento conclusivo. Lo studente è chiamato ad avvicinarsi all’architettura in una progressione che va dalla ricerca bibliografica sino al ridisegno di un’opera come momento di conoscenza della costruzione dello spazio. I prodotti individuali confluiscono in un elenco collettivo costruendo un palinsesto dal quale ogni studente è stimolato a elaborare l’indice del proprio myBook attraverso una serie di Key words, sintesi delle interpertazioni personali e della connessioni di temi. I topics che contraddistinguono l’indice del myBook di ogni studente rappresentano le premesse della seconda fase del programma del corso: progetto di una casa unifamiliare.